Veronica & The Red Wine Serenaders

Veronica & The Red Wine Serenaders è un progetto musicale nato nel 2009 che coinvolge musicisti appassionati di country blues e ragtime, di hokum e jug band music e di tutta la musica popolar-rurale degli anni ’20 e ’30. Veronica Sbergia, Max De Bernardi e Alessandra Cecala girano l’Europa in lungo e in largo cercando di mantenere viva questa ricchissima e preziosa tradizione musicale, rispettandone, si, il linguaggio e l’intenzione originari, ma adattandone il contesto ai giorni nostri. Un concerto che non è solo concerto ma un viaggio attraverso le piantagioni del sud degli Stati Uniti, i bordelli di New Orleans, il proibizionismo con tutti i suoi controsensi, le barrelhouses del Delta del Mississippi e le prigioni della Louisiana, un percorso che si snoda sul filo delle voci delle grandi cantanti degli anni Venti e delle registrazioni sul campo dei bluesman dimenticati, fino ad arrivare al blues urbano della Grande depressione del ’29. Una sorta di carrozzone circense dove con gli strumenti della tradizione musicale americana (chitarre resofoniche e acustiche, ukulele, banjo, washboard, kazoo) ci faranno scoprire l’attualità spiazzante della musica degli anni ’20 e ’30.Un carrozzone sempre in viaggio con il quale incontreremo Robert Johnson, Blind Blake, Memphis Minnie, Casey Bill Weldon, Leadbelly, il Reverendo Gary Davis, Sister Rosetta Tharpe, i Mississippi Sheiks, la Memphis Jug Band, Woody Guthrie, Bessie Smith….e le loro storie. Storie di prostitute, disoccupati, ubriaconi, giocatori d’azzardo e cuori spezzati affrontati con ironia e passione, storie di donne e uomini comuni alle prese con le gioie e i dolori della vita di tutti i giorni.

Tra ragtime, folk, pre-war blues, early jazz e spiritual ascolterete la voce e il suono della fascia più debole della popolazione americana e per questo forse la più autentica ed evocativa. Vi sorprenderete scoprendo quante analogie ci siano tra il passato e il presente.
Veronica & The Red Wine Serenaders si sono esibiti in Francia, Svizzera, Ungheria, Spagna, Inghilterra, Caraibi e Italia.

Dicono di noi:
“La più bella realtà europea in fatto di country-blues, ragtime, hokum e jug-band music “Il Buscadero
“Il più credibile gruppo che rinverdisce i fasti dei Mississippi Sheiks…”Il Blues
“Good time blues is alive and well and residing in… Milan, Italy. A band with a mission”Folk & Roots Magazine
“Dovrebbe far riflettere il successo che l’operazione di Veronica Sbergia e Max De Bernardi sta ottenendo in tutta Europa” – Chitarre
“La sua musica e’ come i vestiti che indossa: vintage con rivisitazioni contemporanee”Il Corriere della Sera
“Un disco cosi’ meriterebbe il “botto” perchè il duo fa maledettamente sul serio”D La Repubblica delle Donne

Organico:

Veronica Sbergia: voce, ukulele, washboard, kazoo
Max De Bernardi: chitarre National resofoniche, ukulele, chitarra acustica
Alessandra Cecala
: contrabbasso

Discografia:

Ain’t nothin’ in ramblin’ – Autopr. (2007)
Veronica & The Red Wine Serenaders – Totally Unnecessary Records (2009) D.O.C.- Totally Unnecessary Records (2011)
Old Stories for Modern Times – Totally Unnecessary Records (2012)

“Old Stories for Modern Times” is the new album of Veronica Sbergia and Max De Bernardi, irreplaceable souls of Red Wine Serenaders, ensemble acclaimed by the national press as “The most beautiful European reality in terms of countryblues, Ragtime, Hokum and ‘Jugband music “(The Buscadero). The album entirely acoustic recorded between the months of May and December 2011 in mono and mixed tape through analog consolle.

The production was strictly focused to keep the original sounds of the instruments at the possible best, as well as the dynamics and associated ripples, capturing the natural reverberation of the environment by the use of panoramic microphones and limiting the “digital intrusions.”
This album is actually a small excursion into rural American popular-music from the early years of the last century, where great songs are reinterpreted by artists like Big Bill Broonzy, Memphis Minnie, Jimmie Rodgers, Sidney Bechet, Lucille Bogan, Bo Carter, Delmore Brothers …

The songs are chosen by a repertoire ranging from 1910 to 1939, indeed a real invitation to the rediscovery or, in some cases, the discovery of the characters that have made great this music with their stories; songs that bring fun, deeply moved, rhythms for dancing or being rocked.
Among ragtime, folk, pre-war blues, early jazz and gipsygrass, you will listen in reality to the voices of the poorest of the U.S. population and, reason to this, perhaps the most authentic and evocative.

You will be surprised discovering how many similarities there are between the past and the present days. Hence the title “Old Stories for Modern Times”, because historical memory is now more important than ever.
Voices, resophonic guitars, washboard, ukulele, mandolin, harmonica, bass will be guide stars in a journey through the atmosphere of the Vaudeville, the medicine show, the first brothels of the 1900 and cotton plantations. An irresistible mix of sounds so healthy !

Embellishing the album with their art and skill are two exceptional guests : Sugar Blue (a legendary harmonica player in the past alongside the Rolling Stones, Bob Dylan, Willie Dixon and Frank Zappa) and the world master of resophonic guitar, Bob Brozman.

Veronica and Max have performed in France, Hungary, England, Switzerland, Spain, Croatia, Austria. The record “Veronica & The Red Wine Serenaders” won the prize for originality “Out of Control” (MEI) in 2010, awarded by a jury held by Giordano Sangiorgi, Gianni Lucini, Marco Denti, Marino Severini (Gang) and Michele Anelli; while the album “DOC” was voted as best CD of the year 2011 by readers of Rootshighway. Veronica was also the first Italian artist to be invited to the prestigious Mustique Blues Festival 2012, event in order charity that takes place in the beautiful Caribbean.

“On la croirait presque directement arrivée de l’époque des Bessie Smith et autres grandes légendes du blues, et pourtant Veronica Sbergia n’est ni vieille, ni noire, ni même américaine mais tout bonnement jeune et italienne”. Blues sur Seine

“Un disco così meriterebbe il botto”. D La Repubblica
“Il più credibile gruppo che rinverdisce i fasti dei Mississippi Sheiks”. Il Blues

VAI AL SITO INTERNET

Matt Biondi

Michele Biondi nasce a Lucca. La musica è di casa grazie ai nonni polistrumentisti ed a 14 anni inizia a studiare chitarra e Musica, da autodidatta, imparando da amici musicisti e seguendo le lezioni del chitarrista Gorby Marraccini (Zucchero, Rick Hutton). La scoperta del blues avviene a sedici anni grazie all’amico chitarrista Vittorio Pecchia (The Fabulous Crekers).

A 19 anni l’incontro con il cantante e compositore americano Bruce Borrini di cui diventa allievo.

A 21 anni ottiene il ruolo di prima chitarra in ‘Euro Big Band Italiana’ con cui suona blues, swing e rock’n roll in Italia, Francia e Portogallo; inoltre, segue e coordina i corsi di Musica dell’attività studentesca dell’Università di Pisa.

Un paio di anni dopo fonda la band toscana ‘The Blues Basket’ con cui suona in tutta la Toscana, registra un omonimo EP e, nel 2005, risulta finalista del concorso ‘Pistoia Blues In’ del blasonato Pistoia Blues Festival.

Successivamente, si trasferisce per circa tre anni nel nord Italia, dove suona con la band Chicago Blues ‘Cotton Jugs’ e dove ‘ottiene’ il soprannome ‘Matt’!

Al rientro in Toscana entra a far parte della band ‘I Dinosauri del Blues’ con cui nel 2009 chiude l’edizione di ‘Lugano Blues Nights’ e partecipa al ‘Bluesacco Festival’.

Nello stesso anno fonda la band ‘Locomotive Breath’, il cui primo disco ‘Shuffle Train’ ottiene consensi in Italia e Svizzera, permettendogli di calcare il palco di festival quali ‘British Blues’, ‘Trend&Blues’, ‘Lugano Blues Nigths 2011’, ‘Blues in Town’, ‘Ferrara Buskers’; parallelamente si intensificano anche i concerti in solo e matura l’idea di un proprio disco che uscirà prossimamente.

Discografia: The Blues Basket, Shuffle Train.

Live@: Lugano Blues Nights, Bluesacco Festival, British Blues, Trend & Blues, Lugano Blues Nigths, Blues in Town, Ferrara Buskers.

Contatti: http://www.mattbiondi.it/

Michele Biondi was born in Lucca. Music is in his life earlier, thanks to grandparents multi-instrumentalists. At 14 he begin to study guitar and music: self-taught, learning from friends, musicians and following the lessons of the guitarist Gorby Marraccini (Sugar, Rick Hutton).

He discover the blues at 16, thanks to his friend and guitarist Vittorio Pecchia.

At 19, he met the american singer and songwriter Bruce Borrini of whom he became a student.

At 21 he got the role of lead guitar in ‘Italian Euro Big Band’ playing blues, swing and rock’n’roll in Italy, France and Portugal; also, oversees and coordinates the guitar lessons for the ‘University of Pisa Student Activity Group’.

About two years after, he found the blues band ‘The Blues Basket’ playing all around in Tuscany, recording an EP and joining the Pistoia Blues Festival Challenge as finalist.

In 2005 he moves in northern Italy for about three years, playing with the Chicago Blues band ‘Cotton Jugs’. During this period he ‘get’ the nickname ‘Matt’!

Upon returning to Tuscany he join the band ‘The Dinosaurs of the Blues’ playing at the 2009 edition of ‘Lugano Blues Nights’ and at ‘Bluesacco Festival’. In the same year he found the band ‘Locomotive Breath’, whose first album ‘Shuffle Train’ gains favor in Italy and Switzerland, allowing to tread the stage at festivals such as ‘British Blues’, ‘Trend & Blues’, ‘Lugano Blues Nigths 2011’, ‘Blues in Town’, ‘Ferrara Buskers’. Just the same he intensify the solo concerts and matures the idea of an its own cd that will be released soon.

Discography: The Blues Basket, Shuffle Train.

Live@: Lugano Blues Nights, Bluesacco Festival, British Blues, Trend & Blues, Lugano Blues Nigths, Blues in Town, Ferrara Buskers.

 Contatti: http://www.mattbiondi.it/

Danny Bronzini

Danny Bronzini chitarrista, cantante, classe 1995 considerato dal pubblico e dalla critica come il nuovo talento del “blues made in Italy”. Danny si innamora della musica blues sin da piccolo, ascoltando cd trovati in casa e inizia a mettere le mani sul manico della chitarra giovanissimo e, viste le capacita’, il ragazzino a 13 anni inizia a prendere lezioni dal maestro di chitarra blues pistoiese Nick Becattini, e si iscrive alla Scuola Superiore di Musica Lizard di Fiesole (FI). Danny, nonostante la giovane età, vanta gia’ un curriculum di tutto rispetto, infatti ha già  suonato (e in alcuni casi collaborato) con musicisti come: Cris Pacini, Peewee Durante, Matteo Sodini, Davide Malito, Carlo Romagnoli, Borrkia Big Band ed altri… Inoltre ha aperto i concerti  diTexas Slim, Modena City Ramblers, Ellade Bandini Trio e B.B.King, ha  suonato in vari eventi come Musicastrada, Musica W Festival, Valdera Rock, Bluesacco e nei vari locali e pub italiani.

Gli artisti e le band a cui si ispira sono molteplici.. i principali   possono riassumersi in:

B.B.King, Muddy Waters, Matt Schofield, Robben Ford, Jimi Hendrix, Stevie Ray Vaughan, Albert King, Freddy King, John Mayer, The Meters  etc….e attraverso l’ascolto di vari fraseggi musicali Danny ha costruito il suo stile che spazia nel blues, nel jazz,e nel funk blues, rimanendo sempre fedele alla musica afroamericana.

Il 2012 per Danny e’ stato l’anno della consacrazione, infatti si e’ iscritto con la band Danny Bronzini Trio  a 3 contest italiani (Pistoia Blues, Torrita Blues, Torre Alfina Blues) classificandosi Primo in tutte e tre le manifestazioni e, di conseguenza, suonando su quei prestigiosi palcoscenici.

Attualmente Danny suona con 2 band e un duo acustico che sono: Danny Bronzini Trio, RedNeck,e il duo acustico con il maestro ed amico Filippo Antonini anche lui chitarrista.

Danny Bronzini Trio

La formazione della Danny Bronzini Trio e’ composta oltre che da Danny  alla chitarra & voce, da Mario Ginesi alla batteria e Luca Chiellini all’hammond.

RedNeck

La formazione dei RedNeck e’ composta oltre che da Danny alla chitarra & voce, da Enrico Cecconi alla batteria, Renato Marcianò al basso, e Peewe Durante alle tastiere.

mailto:mbronz@alice.it

Treves Blues Band

L’avventura della Treves Blues Band nasce nel 1974 quando un giovane armonicista di Lambrate decide di partire con una “missione impossibile”: divulgare i valori del Blues, la sua storia e i suoi grandi interpreti. L’armonicista in questione è Fabio Treves, da qui in poi ribattezzato “il Puma di Lambrate”, che con la sua band ha viaggiato in lungo e in largo per l’Italia e per il mondo e ha tenuto alta la bandiera del “Blues made in Italy”.

I suoi concerti sono un viaggio nella storia di questa musica, dai primi canti di lavoro a quello arcaico e campagnolo, dal blues elettrico di Chicago a quello più moderno. Rassegne estive, blues festival, locali, scuole università, radio, televisioni, tanti e diversi tra di loro sono i luoghi che hanno ospitato la TBB, la prima band italiana a proporre un genere musicale che sembrava avere radici tanto lontane ma che era capace di coinvolgere tanto pubblico.

www.trevesbluesband.it

Dago Red

“They love what they do and they do it damn well. They’re one of the best band I’ve heard in a long, long time…”
Frank Hennessy, BBC Radio  Celtic Heart Beat.

Sulla strada dal 1998, hanno vinto l’Italian Blues Challenge nel 2011 e rappresentato l’Italia allo European Blues Challenge di Berlino nel 2012.
Attingono dal Folk e dal Blues riuscendo a fonderne i colori, creando un sound personale e riconoscibile all’istante. Hanno composto brani interpretati da artisti dell’etichetta discografica “Acoustic music record” di Peter Finger.
Semifinalisti con “What’s For” all’International Songwriting Competition, sono stati selezionati da una giuria tra i cui componenti c’erano Tom Waits e Robert Smith (The Cure). Hanno pubblicato 3 cd oltre ad avere le loro canzoni presenti in decine di compilation.
Hanno suonato nei principali festival Blues in Italia e in d’Europa

www.dagored.it
0039.340.26.71.833
0039.349.370.43.23
facebook.com/dagoredblues

Marco Pandolfi

Marco Pandolfi è presente da venti anni sulla scena blues italiana suonando alle più importanti manifestazioni della penisola e guadagnandosi la stima dei maggiori musicisti blues in Italia e all’estero. Le sue performance ed i suoi dischi sono stati recensiti dalle più autorevoli riviste del settore (Il BLUES, Blues Revue, Soul Bag, Blues in Britain Magazine…) e la sua musica trasmessa nei programmi radio di tutto il mondo (B.B.King’s Bluesville on XM radio USA, King Biscuit Time-Helena AK, WWOZ New Orleans…). E’ l’unico musicista blues italiano ad aver partecipato due volte all’INTERNATIONAL BLUES CHALLENGE di Memphis, TN (USA): nel 2006 con la band Marco Pandolfi & the Jacknives (rappresentando l’Associazione Roots and Blues di Parma) e nell’ultima edizione del 2011 nella categoria solo/duo (rappresentando MOJO STATION di Roma). Ha collaborato con alcuni dei più noti bluesmen a livello mondiale, basti citare Richard Ray Farrell, Paul Oscher, Bob Margolin, Harvey Brooks, Preston Hubbard, Bob Corritore, Willie King, Tom Walbank, David Lee Durham, Paul Cox, King Edward, Bill Howl-N-Madd Perry, Mickey Rogers, Rockin’ Johnny Burgin… Nel febbraio 2012 è uscito il suo nuovo cd “Close The Bottle When You’re Done”. Il disco, registrato live in studio, vede Marco all’armonica, alla chitarra ed alla voce.

Gennaro Porcelli

Napoletano doc, classe 1981, Gennaro Porcelli ne ha fatta di strada per arrivare dove è oggi: attuale chitarrista di Edoardo Bennato e leader del trio “Gennaro Porcelli & the Highway 61”, considerato da pubblico e critica uno dei più promettenti talenti del blues “made in Italy”. Non a caso può vantare un curriculum di tutto rispetto: Alex Britti (tour 2006/2007), Louisiana Red, Bobby Dixon (figlio del più famoso Willie Dixon), Nathaniel Peterson, Kenny Neal, Abi Wallestein, Carvin Jones, Ronnie Jones, Ernesto Vitolo, Tony Esposito, Roberto Ciotti, Antonio Onorato, Rudy Rotta, Beppe Grillo, Lino Cannavaciuolo, Piero Pelu’, Blue Stuff, Lello Panico, Maurizio Capone, Enzo Avitabile, Eugenio Bennato, Tullio De Piscopo, Morgan, Pino Scotto, Tre Allegri Ragazzi Morti, Claudio Baglioni sono solo alcuni dei nomi illustri con cui Gennaro ha avuto il piacere di suonare; Hot Tuna, Eric Sardinas, Corey Harris, Lil ‘Ed & The Blues Imperials, Louisiana Mojo Queen, Tolo Marton, Uli John Roth, Billy Branch, Renzo Arbore, Robben Ford e altri ancora, appartengono invece alla lista di musicisti affermati con cui ha potuto condividere il palco. Degna di nota, inoltre, è la sua recente performance live con il chitarrista texano Buddy Whittington, storico componente dei Bluesbreakers di John Mayal.
Definiti “powerfull”, i suoi concerti sembrano ripercorrere proprio l’Highway 61, ovvero la nota autostrada americana lungo la quale i vari stili di Blues e Southern rock si sono sviluppati, proponendo così un repertorio che spazia dal Chicago style a quello di New Orleans, dallo stile di Austin a quello di Memphis.

http://www.gennaroporcelli.com

Angelo “Leadbelly” Rossi

Una vita per la musica! Dalla metà degli anni ’60 fino ad oggi, innumerevoli sono state le esperienze che Angelo ha sperimentato nel campo musicale. Da musicista di balera a DJ rock, per incamminarsi verso la fine degli anni ’70 nel percorso che lo ha portato a diventare uno dei migliori performer del blues italico. Roots e Mississippi down home blues è quello che propone nei suoi concerti. Le sue performance sono una miscela di blues esplosivo, disordinato e appassionato, che tengono l’ascoltatore inchiodato al proprio posto senza un attimo di tregua. La voce  gli consente cambi tonali improvvisi e laceranti che accompagna a continue alterazioni di tempo. Ogni show è diverso dal precedente. Numerosi viaggi nel sud degli Stati Uniti e la lunga collaborazione con il bluesman Larry Johnson lo hanno portato ad una conoscenza approfondita del genere. Numerose sono le sue partecipazioni ai migliori festival blues nazionali e internazionali.

leadbelly.rossi@tin.it

 

Blues Made in Italy – 3° Raduno Nazionale

Sabato 13 ottobre 2012
3° Raduno Nazionale
BLUES MADE IN ITALY
c/o AREA EXP – Cerea (VR)
Ritorna per il terzo anno consecutivo quello che ormai si può definire un appuntamento annuale consolidato e al contempo imperdibile, in grado di catalizzare l’attenzione ed attrarre appassionati da tutto il Paese e dall’estero, riunendo sotto lo stesso segno tricolore, gli artisti più rappresentativi del panorama Blues italiano.
Sabato 13 ottobre l’Area Exp di Cerea (VR) a partire dalle ore 10:30, accoglierà il 3° Raduno Nazionale di Blues Made In Italy, team collaborativo di comunicazione senza scopo di lucro, nato da un’idea del chitarrista Lorenz Zadro e formato da un affiatato gruppo di promotori e artisti italiani, votati al Blues e alla sua divulgazione.
Una giornata-evento che, dopo l’exploit della prima edizione del 2010, nel 2011 è riuscita nell’intento di far salire sul proprio palco 55 band, per un totale di circa 200 musicisti, macinando numeri e presenze (2.000 persone accorse da ogni parte d’Italia e dall’estero) da far impallidire ben più strombazzati festival di tendenza della scena pop rock. Un evento ormai irrinunciabile, che parla da sé, anzi risuona ancora nell’aria attraverso un lunghissimo “delay” di immagini tradotte in 15 ore filate di musica, senza batter ciglio, ma battendo ogni record di performance live Blues in Italia.
Grande è stato il lavoro di squadra in questo primo triennio che ha visto il consolidamento di importanti sinergie con le riviste “Il Blues” e “Buscadero”, con eventi come il “Rootsway – Roots ‘n Blues & Food Festival” (PR), ”European Blues Union”, e la crescita di nuove e importanti realtà live, come la quarta edizione del “Malcesine Blues Festival” (VR), e la seconda edizione di festival di successo come “Piave Blues – Dal Mississippi al Piave” (VE), “Armonicando” (VR), “Villa Blues” di Nogara (VR) e “Sogliano Blues” di Sogliano al Rubicone (FC).
Un movimento, quello del BMII, che attraverso le sue voci, le suona a tutti e fa suonare tutti, scovando artisti emergenti, valorizzando musicisti che hanno fatto la storia del Blues italiano, promuovendo, grazie ad un’intensa opera di ascolto, sostegno, elaborazione grafica e coordinamento, produzioni notevoli come il cd/dvd del primo e del secondo raduno di BMII (con 50 brani registrati live) e numerose iniziative fotografiche, artistiche, ponendo la propria “firma”, e quello che ormai è diventato un vero e proprio “patrocinio” di qualità su uscite discografiche ed editoriali.
La giornata del BMII darà spazio nel corso della giornata alla grande “maratona” che vedrà protagonisti band e solisti, musicisti provenienti dall’Italia e dall’estero: Martin’s Gumbo Blues Band, Dave Moretti Blues Revue, Blue Cacao & Vissia Trovato, Stefano Galli Blues Band, Diego “Deadman” Potron, Maurizio Pugno Band, Dago Red, Sindacato del Mojo, Uncle Tix, & The Groovy Guys, The Magnetoscopics, Turtle Blues, Thomas Guiducci & The B-Folk Guys, Filippo Barontini, Black Cat Bone, Bluestouch, Duck Blues Band, Blue Cat Blues, Vittorio Giuffrida, Nat Soul Band, Rowland Jones, Lorena Gioia & Zio Bros, Fieldmen of Blues, Kid Blues Combo, Oracle King Blues Band, Pulin & The Little Mice, Vladi Blues Band, Alex Cipollari, Le Macchie di Blues, The True Blues Band, Cjmbaljna Blues Band, Duck Blues Band, Alligator Nail, Fabio Marzaroli Band, Walkin’ Trees, Jook Joint, Kevin Di Marco Bande e Blues Trail.
Le performance si alterneranno fino a sera, coordinate da tre conduttori d’eccezione (Paolo Ganz, Valter Consalvi e Matteo Sansonetto), attorniati dai flash dei fotografi più rappresentativi della scena Blues, anch’essi riuniti sotto lo stesso “obiettivo”.
Per festeggiare il terzo anno di attività, inoltre, BMII chiuderà l’edizione 2012, in serata, con le performance di alcuni ospiti che suggelleranno l’evento portando sul palco tutta l’esperienza, i contributi più significativi ed eterogenei del Blues italiano e di tutte le sue declinazioni: Angelo “Leadbelly” Rossi, Fabrizio Poggi, Limido Brothers, Francesco Piu, Mike Sponza, Mandolin’ Brothers e Little Paul Venturi.
A fare da cornice all’evento, nonché scenario fondamentale del grande affresco del terzo raduno, l’esposizione di strumenti musicali artigianali, amplificatori, liuteria di varie aziende di settore, ma anche libri di pregio, cd e dvd irreperibili, immersi nell’esclusiva e straordinaria scenografia creata ad hoc dal grafico Aldo Lionetti e sublimata dai dipinti a tutta parete di Stephanie “Océan” Ghizzoni, in veste di musicista e pittrice on stage.
Non resta che dare appuntamento a tutti, pubblico e musicisti, al 13 ottobre, presso l’Area Exp di Cerea (VR), la grande “arena” del Blues italiano, dove non mancherà l’area enogastronomica, con il sostegno ed il supporto dell’esperienza dello staff del Roses American Bar e Nouvelle Rose, con la passione della tradizione veneta di Palazzetto Ardi.

INGRESSO LIBERO.
Per l’occasione è stato realizzato un video promozionale dell’evento:

Il 3° raduno nazionale Blues Made In Italy è realizzato con il patrocinio del Comune di Cerea, Roses American Bar, Ristorante Nouvelle Rose, rivista Il Blues, European Blues Union, Buscadero, Ass. ne Roots & Blues, Piave Blues, Armonicando, Palazzetto Ardi, ArteSound, Music Store Verona, Essetipicks, Margotto F.lli s.n.c., Plunz Special Harp, Feelin’ Good Productions.

B&B consigliati:
Hotel Lini, fisso (+39) 0442.32.08.61 (Cerea, a 250mt.)
www.casanticarossato.it (Cerea, a 1km)
www.locandadivinis.it (Cerea, a circa 1,5km)
www.hotelromagnolo.com (Cerea, a circa 1,5km)
www.hotelpergola.com (Legnago, a circa 6km)
www.corte-samuele.it (Legnago, a circa 7km)
www.trerondini.it (Legnago, a circa 10km)
www.hotelvillabartolomea.it (Villa Bartolomea, a circa 15km)

Location:
AREA EXP
via Libertà, 57 – Cerea (VR)
www.areaexp.com
con la gestione di:
ROSES AMERICAN BAR / NOUVELLE ROSE
via Libertà, 80 – Cerea (VR)
☎ (+39) 0442.320212
www.rosesamericanbar.it
organizzazione, info e/o prenotazioni:
LORENZ ZADRO
☎ (+39) 329.56.65.948 (ore pasti)
www.zadrolorenz.com
www.bluesmadeinitaly.com

Filippo Antonini

Nato nel 1979 a Viareggo (Lucca) Filippo Antonini fin da piccolo coltiva e sviluppa una grande passione per la musica, specialmente per il blues, ascoltando e studiando i maestri che hanno formato questo stile come B.B. King, Albert Collins, Albert King, T- Bone Walker, Stevie Ray Vaughan, Muddy Waters.
Nel 2002 lui e la sua band vengono scelti dal famoso chitarrista blues Tommy Castro come band di apertura durante il suo tour europeo e di registrare e pubblicare il suo primo cd, intitolato “Callin’ San Francisco”.
Fino a questo momento ha avuto l’opportunità di condividere il palco con artisti del calibro di  Duke Robillard, Elvin Bishop, Otis Taylor, Tommy Castro, Nine Below Zero, Eric Sardinas e tanti altri.
Nel 2007 entra in contatto con il famoso produttore messicano Juan Salinas e l’anno seguente registra il suo ultimo Cd in due versioni (in inglese e in spagnolo) intitolato “The Time Has Come” e “El Tiempo Llego”.

www.filippoantonini.com